Resoconto Assemblea dei Soci 2021

Lunedì 21 giugno alle 18:00 si è tenuta l’Assemblea Straordinaria e Ordinaria dei Soci di AIMA.

Ringraziamo di cuore tutti i 61 soci che hanno partecipato, in presenza o con delega: la numerosa affluenza e il clima affettuoso di amicizia che si è creato hanno ormai reso l’Assemblea una piacevole occasione per rivederci ed incontrarci, seppur a distanza.

Assemblea Straordinaria

Durante l’Assemblea Straordinaria abbiamo approvato alcune modifiche e integrazioni allo Statuto:

  • all’art. 1, lo spostamento della sede legale dai locali presso la RSR di Albinea in via Papa Giovanni XXIII n. 16, che restano quale sede operativa, alla sede di Spazionoprofit srl Società Benefit a Reggio Emilia in via M. K. Gandhi n. 16 dove verranno conservati i documenti contabili; la variazione della sede viene proposta per rispondere al “Regolamento  per la disciplina dei rapporti tra l’Azienda Unità Sanitaria Locale – IRCCS di Reggio Emilia e gli Enti del Terzo Settore (ETS)” che prevede che le ODV non possano avere la propria sede legale in locali concessi in comodato d’uso gratuito dall’Azienda;
  • agli artt. 8, 9 e 11, la previsione che le riunioni degli Organi dell’Associazione (Assemblea, Consiglio Direttivo e Organo di Controllo) possano svolgersi anche con gli intervenuti collegati in modalità online.

Assemblea Ordinaria

Bilancio 2020

A seguire, durante l’Assemblea Ordinaria abbiamo approvato all’unanimità il Bilancio finanziario 2020, ora pubblicato e consultabile qui sul nostro sito alla pagina Bilancio d’Esercizio.

Anche nel 2020 il bilancio è composto dalla parte Patrimoniale e dalla parte Gestionale. Una novità è l’inserimento nella parte patrimoniale dei fondi vincolati per completamento di azioni, quali: Musicoterapia, Più Vicini e Laboratori Benessere. Nella parte gestionale le entrate sono state di € 237.695 e le uscite di € 233.148. Il patrimonio da esercizi precedenti è di € 34.917,27 a cui si aggiunge l’avanzo dell’esercizio in corso di € 4.546,45 che porta il patrimonio a € 39.463,72.

Sostituzione componenti Consiglio Direttivo

Abbiamo votato all’unanimità Alda Govi e Claudio Iotti come nuovi membri del Consiglio Direttivo, a seguito delle dimissioni per motivi personali di Maria Claudia Caiti e Argentina Viappiani, due Consiglieri eletti dall’Assemblea del 15/06/2019. Si precisa comunque che l’organo direttivo resterà in carica sino alla sua scadenza naturale e non oltre, dato che l’integrazione con nuovi componenti non ne prolunga il mandato.

Relazione attività 2020

La nostra Presidente ha illustrato le numerose attività che abbiamo realizzato nel corso del 2020:

  • A partire dal 24 febbraio 2020, in seguito ai diversi decreti emanati, le attività in presenza dei progetti Caffè Incontro, i Gruppi di sostegno, Tempo d’incontro e i Pomeriggi in Palazzina, Il Passatempo, la Musicoterapia che prevedono l’aggregazione di persone, sono state sospese.
    • Le psicologhe referenti dei progetti, i volontari e, per i gruppi di sostegno, anche le co-conduttrici, hanno mantenuto il contatto con i partecipanti attraverso l’attività in remoto mediante telefonate, videochiamate e messaggi. Con i volontari attivi nel mantenere il contatto con le famiglie, le psicologhe hanno svolto settimanalmente gruppi di supervisione in videochiamata per coordinare le attività, supportare i volontari e monitorare la situazione delle famiglie.
    • Il Centro di Ascolto presso la sede di Albinea ha sempre continuato la sua attività. Nonostante siano stati sospesi i colloqui in presenza, si è da subito concordato di mantenere l’accoglienza telefonica dei familiari per informazioni, orientamento e sostegno, pertanto le psicologhe hanno effettuato verifiche telefoniche per tutte le situazioni più critiche e a rischio di isolamento e hanno mantenuti tutti gli interventi di integrazione con la rete dei servizi.
    • È stata attivata un’accoglienza telefonica tutti i giorni della settimana e H24: le psicologhe lavoravano in remoto e rispondevano a chi lasciava un messaggio in segreteria telefonica nell’arco della giornata stessa, quindi anche al di fuori dei giorni di apertura del Centro; mentre abbiamo sempre mantenuto la presenza della psicologa al Centro secondo il consueto orario di apertura il mercoledì, giovedì e venerdì dalle 15:30 alle 18:30 al numero di telefono del Centro di Ascolto.
    • Le riunioni del Consiglio Direttivo e dei gruppi di lavoro, così come i momenti di confronto, i coordinamenti e le supervisioni delle Psicologhe e dei volontari hanno sempre continuato a svolgersi regolarmente in videochiamata.
    • Le attività di segreteria, amministrazione, comunicazione e fundraising sono state mantenute e l’associazione ha favorito il lavoro in smart working delle due dipendenti.
    • Abbiamo mantenuto costantemente aggiornati il sito web e le diverse pagine social dell’associazione affinché tutti potessero trovare informazioni, sapere a chi rivolgersi e quali aiuti poter trovare. Per mantenere vivo e forte il contatto con le famiglie, abbiamo proposto la rubrica #salutidacasa e #laprimaveraacasa dove sono state giornalmente postate le immagini delle persone con demenza con i loro familiari, scattate a casa con i loro saluti.
    • Abbiamo pubblicato sui quotidiani un comunicato e mandato in onda sulle tv locali (Telereggio e Teletricolore) delle “strisce informative” per informare la cittadinanza sia dell’attivazione della risposta h24 da parte del Centro di Ascolto dell’associazione, sia della rimodulazione delle attività;
    • A tutti i contatti e-mail dell’associazione abbiamo inviato settimanalmente la newsletter “Per esservi vicini” per promuovere e condividere ancor di più le rubriche #salutidacasa e #laprimaveraacasa e i video- tutorial.
  • A partire dal mese di aprile 2020 per i progetti di gruppo, oltre alle telefonate, si sono attivate videochiamate di gruppo alle quali hanno partecipato persone con demenza, loro familiari, volontari e gli operatori (psicologa, musicoterapeuta e arteterapeuta).
    • Oltre ai contatti telefonici, sono stati proposti diversi strumenti e video-tutorial (in particolare di arteterapia Marina Argenti e di ginnastica dolce con Silva Iotti) come risposta sia alla necessità di riempire le lunghe giornate dei nostri familiari, sia all’obiettivo di mantenere la stimolazione cognitiva e il benessere fisico delle persone con demenza, sia, e soprattutto, al fine di dare valore e senso al fatto di stare insieme e di fare delle cose insieme.
    • Sono 310 le persone, tra familiari e persone con demenza, con le quali si è mantenuto un contatto dalla sospensione delle attività, 46 i volontari attivi, 7 le psicologhe attive sui progetti, 1 arteterapeuta, 1 musicoterapeuta, 33 i professionisti dei servizi Socio-Sanitari coi quali si è svolto un lavoro di integrazione per rispondere ai bisogni dei 271 nuclei familiari con i quali ci sono stati contatti; a tutto maggio, i contatti sono avvenuti attraverso oltre 3.000 telefonate e videochiamate a familiari e volontari, senza contare le centinaia di messaggi scambiati.
  • Da giugno ad ottobre per il Centro di Ascolto sono ripresi i colloqui con i familiari in presenza nel rispetto delle disposizioni anticontagio;
    • per i Caffè Incontro, Tempo d’Incontro e Pomeriggi in Palazzina, Il Passatempo, Musicoterapia, i gruppi di sostegno sono ripresi gradualmente gli appuntamenti in presenza, per piccoli gruppi e privilegiando spazi all’aperto, sempre nel rispetto delle misure anticontagio e seguendo un protocollo che all’inizio di giugno di quest’anno è stato approvato dai Tecnici dell’AUSL;
    • A giugno è stata proposta sul sito e sulle pagine social dell’associazione la nuova rubrica “le parole della resistenza e della cura”: abbiamo proposto di inviarci piccoli pensieri, storie, poesie oricordi che facciano sentire più vicini e protagonisti del futuro da costruire;
    • Con il prezioso contributo di alcuni volontari, soci e familiari abbiamo creato e diffuso un video, visibile su youtube https://www.youtube.com/watch?v=ZzmK8B5rTaU&feature=youtu.be, pensato per la campagna di raccolta fondi #nontiscordardinoi in cui abbiamo chiesto donazioni a sostegno delle nostre attività raccontando come, durante i lunghi mesi dell’emergenza sanitaria, le persone con demenza e i loro caregiver a casa abbiano vissuto una condizione di grande solitudine durante la quale, come loro stessi hanno avuto modo di raccontare nel video, la presenza dell’associazione è stata fondamentale per tutta la famiglia;
    • A settembre abbiamo celebrato il MESE MONDIALE ALZHEIMER:
      • 32 volontari hanno realizzato nelle principali piazze della provincia di Reggio Emilia 14 stand di sensibilizzazione sull’importanza delle attività psicosociali per le persone con demenza e di raccolta fondi attraverso l’offerta di 600 pacchetti di caffè per sostenere i 6 Caffè Incontro  a Reggio Emilia e Provincia;
      • Nelle giornate di sabato 19 e lunedì 21 settembre (Giornata Mondiale Alzheimer), in collaborazione con l’Associazione Alzheimer Emilia-Romagna (e altre associazioni regionali Alzheimer) e con Fondazione Maratona Alzheimer, AIMA ha aderito all’iniziativa nazionale “Maratona Diffusa” con l’allestimento di 6 stand nei Comuni sede dei sei Centri Disturbi Cognitivi Distrettuali per sensibilizzare e far conoscere i Servizi presenti sul territorio e richiamare l’attenzione sull’importanza della prevenzione e di una diagnosi tempestiva;
      • Sabato 19 settembre alle ore 21:00 la Compagnia Nuovo Teatro S. Prospero ha dedicato all’Associazione lo spettacolo Fran al Teatro San Prospero, regia di Matteo Bartoli, tratto da La leggenda del pianista sull’oceano;
      • Domenica 4 ottobre alle ore 17:00 a Guastalla, presso l’ex Chiesa di San Francesco, si è tenuto il concerto inserito nella rassegna concertistica Musica intorno al Fiume promossa dall’Associazione Giuseppe Serassi.
  • A novembre è partita la campagna Le Noci della Memoria. Questi alcuni numeri: 800 kg di noci, 1.600 sacchetti, 18 volontari, 236 donatori. Nonostante il momento sociale e sanitario difficile per tutti, i donatori hanno risposto con grande generosità e i volontari hanno consentito con il loro costante impegno che tutti i donatori potessero ricevere i propri sacchetti di noci direttamente a domicilio.
  • A dicembre sono iniziati gli appuntamenti dei Sabati Zoom di AIMA: incontri online rivolti a famiglie e volontari che partecipano ai progetti dell’Associazione pensati per far sperimentare loro i benefici dell’arteterapia e della ginnastica dolce per la mente, il corpo e la relazione con gli altri.
  • Domenica 13 dicembre si è tenuto online su Zoom l’annuale evento di raccolta fondi natalizio, il Pranzo di Natale, al quale hanno partecipato 80 persone tra soci, famiglie, volontari e sostenitori. Importante la partecipazione dello chef Enzo Bertelli che ha donato due sue ricette con un video destinato ai partecipanti.